Tribunale di Lecce

R.G.E. 142/17 - Vendita Telematica Asincrona

Dati annuncio

Tipologia di vendita: S.I.
Data vendita S.I.: 22/10/2021
Orario vendita S.I.: 12.00


Professionista delegato:
Maria Addolorata Carluccio
Tel. -
Cell. 320/1459727

Email: mariacarluccio@libero.it


Allegati:


Lotti

Lotto 1 - Abitazione

A.1) Piena proprietà quota 1000/1000 di appartamento in Via Tito Speri n. 24, della sup. commerciale di mq. 128,42. Trattasi di appartamento indipendente sito al p.t. di un fabbricato residenziale di 2 piani fuori terra con cortile interno, terrazzi a livello, garage e locale accessorio. L’immobile si compone di ingresso-soggiorno, sala pranzo, tinello, cucina, 2 vani letto e un bagno, con corridoio di distribuzione tra la zona giorno e la zona notte. L’appartamento ha un accesso diretto, tramite un piccolo ripostiglio, al garage, quest’ultimo con ingresso carrabile e posto in comunicazione con il locale accessorio sul retro, che, rispetto all’abitazione, risulta accessibile anche tramite il cortile interno. La zona della cucina risulta parzialmente realizzata in una porzione del cortile interno, la cui restante parte è stata chiusa con un lucernario vetrato. Tali opere non risultano dotate delle necessarie autorizzazioni urbanistico-edilizie e sulla base della vigente normativa non è oltretutto possibile procedere ad una loro sanabilità. NCEU fgl. 15, p.lla 581 sub 1 e 2, p.ta 3486, ctg. A/3, cl. 3, vani 6,5 rendita € 352,48. A.2) Piena proprietà quota 1000/1000 di box singolo in Via T. Speri, di sup. commerciale di mq. 29,50. All'interno della sup. del garage, in prossimità dell’accesso interno all'abitazione, è ricavato un ripostiglio di ca mq. 4,30. Conformità urbanistica: sono state rilevate le seguenti difformità: 1) Lungo il fronte su via Pio XII, spostamento di 2 finestre, tamponamento di una piccola finestra e chiusura del varco di comunicazione tra il garage ed il terrazzo del suddetto prospetto. 2) Spostamento della finestra del bagno verso il cortile interno. 3) Rimozione di muratura perimetrale esterna tra il tinello ed il cortile, costruzione di solaio, verosimilmente latero-cementizio, per una lunghezza di ca m. 4 a copertura di parte del suddetto cortile, chiusura verticale a mezzo di vetrata a tutta altezza con muretti bassi laterali a perimetro del suddetto solaio verso il cortile. Tutte opere finalizzate alla realizzazione del vano cucina. 4) Realizzazione di volume vetrato con struttura metallica intelaiata a copertura e parziale chiusura verticale della restante porzione del cortile retrostante, ovvero realizzazione di veranda. 5) Apertura di varco dalla veranda verso uno scoperto posto in altra proprietà non oggetto di perizia. La sanabilità delle predette difformità risulta solo parzialmente attuabile in quanto, con riferimento ai punti 3) e 4) si contravverrebbe ai parametri nonché agli strumenti urbanistici vigenti. L'immobile risulta non conforme, ma regolarizzabile. Costi di regolarizzazione. Oneri di regolarizzazione minima, che saranno soggetti ad eventuale conguaglio a seguito di istruttoria edilizia (art. 37 del D.P.R. n.380/2001): € 516,00. Oneri di realizzazione e relativa sanzione per solaio cortile interno: € 200,00. Diritti di segreteria e marche da bollo: € 100,00. Spese tecniche per la redazione della pratica: € 1.500,00. Costi per demolizione, trasporto a discarica e relativo smaltimento e per opere edili di regolarizzazione: € 2.500,00. Conformità edilizia: sono state rilevate le seguenti difformità: 1) Chiusura del varco di acceso all'immobile dal vano scala del civ. 22, rimozione di tramezzatura interna prospiciente il suddetto varco e chiusura dei varchi verso il corridoio di distribuzione per la realizzazione di un vano tinello. 2) Apertura di varco dall'ingresso-soggiorno verso il tinello. 3) Rimozione di tramezzature e nuova realizzazione di murature interne di separazione tra i vani letto e la zona pranzo con relativo spostamento dei varchi di accesso alle suddette stanze da letto dal corridoio di distribuzione. 4) Realizzazione di murature interne nel garage in prossimità dell’accesso interno all'abitazione. Le difformità sono regolarizzabili mediante: adempimenti-oneri o in alternativa il ripristino dello stato assentito. L'immobile risulta non conforme, ma regolarizzabile. Conformità catastale: sono state rilevate le seguenti difformità: 1) Chiusura del varco di acceso all'immobile dal vano scala del civ. 22. 2) Chiusura del varco dal tinello verso il corridoio di distribuzione. 3) Apertura di varco dall'ingresso-soggiorno verso il tinello. 4) Spostamento della finestra del bagno verso il cortile interno. 5) Mancata indicazione del locale accessorio non direttamente collegato all'appartamento, ed accessibile dal cortile interno retrostante e dal garage. 6) Realizzazione di murature interne nel garage in prossimità dell’accesso interno all'abitazione; il suddetto garage risulta inoltre accatastato unitamente all'appartamento (ctg. catastale A/3), sebbene autorizzato come garage e quindi rientrante nella categoria catastale C. 7) Infine, sulla planimetria catastale non sono riportate le seguenti opere: rimozione di muratura perimetrale esterna tra il tinello ed il cortile, costruzione di solaio per una lunghezza di ca m. 4 a copertura di parte del suddetto cortile, chiusura verticale a mezzo di vetrata a tutta altezza con muretti bassi laterali a perimetro del suddetto solaio verso il cortile: tutte opere finalizzate alla realizzazione del vano cucina. Non risulta inoltre riportata in planimetria la realizzazione della veranda con copertura a mezzo di lucernario vetrato, nella rimanente parte del cortile. Si rende noto che le opere di cui al presente punto 7) non sono sanabili, e pertanto la pratica D.O.C.F.A. di adeguamento catastale dell'appartamento dovrà tenere conto della planimetria riferita al solo stato autorizzato. Le difformità sono regolarizzabili mediante: presentazione di 2 pratiche D.O.C.F.A. L'immobile risulta non conforme, ma regolarizzabile. Costi di regolarizzazione. Oneri di regolarizzazione catastale: 2 pratiche D.O.C.F.A.: € 100,00. Spese tecniche per la redazione delle pratiche catastali: € 800,00. P.E.: N.O. per esecuzioni di lavori edili n. 27 di pratica per lavori di costruzione di una casa di civile abitazione, rilasciata il 13.08.68. Licenza d’uso del 03.07.76. C.E. in sanatoria n. 435 per lavori di opere abusive realizzate presso il fabbricato sito in via Tito Speri n. 22, fgl. 15, p.lla 581, rilasciata il 09.05.91. Autorizzazione di abitabilità o d’uso del 04.06.92 relativa all'intero fabbricato (p.t. e p.1°) di cui fa parte l’immobile (solo p.t.) oggetto della presente perizia di stima.

• Asta Telematica Asincrona

• Gestore: Zucchetti

• Modalità di presentazione delle offerte e partecipazione all’asta telematica sul sito: http://venditepubbliche.giustizia.it

Prezzo base: € 73.423,85
Prezzo base ridotto: € 55.067,89 (offerta minima di partecipazione)
Rilancio minimo: € 2.000,00
Prezzo di stima: € -
Cauzione: € 10% del prezzo offerto
Spese: € -

Immagini allegate

Indirizzo: Via Tito Speri n. 24 - Parabita (Lecce)