Condizioni di vendita

  1. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La presente vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere risolta per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore – per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti, inconoscibili o comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni.
  2. L’immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti. Se esistenti al momento della vendita, eventuali iscrizioni e trascrizioni di pignoramenti saranno cancellate a spese e cura della procedura. Se occupato dal debitore, o da terzi senza titolo, nel decreto di trasferimento sarà ordinato l’immediato sgombero.
  3. Ogni onere fiscale derivante dalla vendita sarà a carico dell’aggiudicatario;
  4. La proprietà del bene ed i conseguenti oneri saranno a favore ed a carico dell’aggiudicatario dalla data di efficacia del decreto di trasferimento, e in ogni caso non prima del versamento dell’intero prezzo e dell’importo delle spese, diritti ed oneri conseguenti al trasferimento;
  5. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge.

I Giudici dell’esecuzione

Disposizioni Generali in Materia di Vendite Immobiliari Asincrone

modalità di presentazione delle offerte

Le offerte di acquisto potranno essere formulate esclusivamente in via telematica, tramite il modulo web “Offerta Telematica” del Ministero della Giustizia a cui è possibile accedere dalla scheda del lotto in vendita presente sul portale del Gestore designato.

“Offerta in modalità Telematica”
L’offerta, comprensiva dei documenti allegati, dovrà essere depositata entro le ore 12.00 del 5° giorno lavorativo (esclusi: sabati, domeniche e festivi) antecedente a quello fissato nell’avviso di vendita telematica (per esempio: se l’apertura della vendita telematica è fissata per il giorno di venerdì 30 novembre, l’offerta dovrà presentarsi entro le ore 12.00 di venerdì 23 novembre), inviandola all’indirizzo PEC del Ministero della Giustizia offertapvp.dgsia@giustiziacert.it. L’offerta si intende depositata nel momento in cui viene generata la ricevuta completa di avvenuta consegna da par te del gestore di posta elettronica cer tificata del Ministero della Giustizia. L’eventuale gara tra gli offerenti verrà avviata dal delegato subito dopo aver terminato la deliberazione sulle offerte pervenute e terminerà il quinto giorno successivo nel medesimo orario in cui è iniziata

Disposizioni Generali in Materia di Vendite Immobiliari Sincrone Miste

modalità di presentazione delle offerte criptate e analogiche

Le offerte telematiche di acquisto devono pervenire dai presentatori dell’offerta entro le ore 12.00 del giorno non festivo immediatamente precedente a quello dell’asta mediante l’invio all’indirizzo PEC del Ministero offertapvp.dgsia@giustiziacert.it del modulo web “Offerta Telematica” del Ministero di Giustizia debitamente compilato. L’offerta telematica s’intende depositata nel momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia. Tale modulo, reperibile all’interno del portale ministeriale http://venditepubbliche.giustizia.it sarà richiamabile anche mediante un link presente sul sito del Gestore della Vendita all’interno della scheda del lotto per il quale si intende presentare l’offerta telematica. Per partecipare alle aste telematiche, i soggetti interessati devono preventivamente ed obbligatoriamente accedere al portale http://venditepubbliche.giustizia.it e procedere come descritto nel “Manuale utente”. L’accesso al Portale Ministeriale delle Vendite Pubbliche (PVP) potrà avvenire inoltre attraverso il link presente nel dettaglio della scheda del bene posto in vendita. In particolare il soggetto interessato deve dare – prima di procedere con l’inserimento dell’offerta – esplicito consenso al trattamento dei dati personali.

“Offerta in modalità Telematica”
Il versamento della cauzione si effettua tramite bonifico bancario sul conto le cui coordinate variano in base al Gestore della Vendita Telematica indicato nell’avviso di vendita e/o nell’ordinanza,
entro le ore 13.00 del 5° giorno precedente l’asta. La copia della contabile del versamento deve essere allegata nella busta telematica contenente l’offerta.


“Offerta in modalità Analogica”
Le offerte analogiche di acquisto dovranno essere depositate in cancelleria in busta chiusa, entro le ore 12.00 del giorno precedente la data della vendita esclusi i giorni festivi, all’esterno della quale saranno annotati dal cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Professionista Delegato, la data e dell’udienza fissata per l’esame delle offerte e dovrà contenere, tra l’altro, l’assegno circolare bancario e/o assegno circolare postale (i.e. in quest’ultimo caso quello di colore giallo) non trasferibile intestato a “Proc. esecutiva N.“ seguito dal numero e dall’anno della procedura.

Tribunale di Lecce

vendite immobiliari fallimentari ed esecuzioni ordinarie

“Offerta con bonifico”
Istruzioni per il versamento della cauzione mediante bonifico bancario o postale art. 173 quinquies disp. att. c.p.c.

Il versamento della Cauzione deve essere effettuato esclusivamente con bonifico bancario o postale irrevocabile urgente da effettuarsi entro le ore 13,00 del giorno precedente (conteggiando anche i giorni festivi o prefestivi) la data di vendita (con la precisazione che è l’offerente a dover considerare i giorni di chiusura dell’intermediario bancario o postale, qualora non intendesse avvalersi del circuito Internet), alla seguente banca:
BANCA APULIA Agenzia di Lecce 2 – Viale Leopardi
IBAN: IT 97 W030 6916 0041 0000 0002 028
Intestato a Tribunale di Lecce Ufficio Esecuzioni Immobiliari

La domanda (denominata “offerta con bonifico bancario o postale di acquisto di immobile”) dovrà essere compilata e inviata – entro le ore 13,00 del giorno precedente a quello fissato per la vendita (art. 569 comma 3 c.p.c.):
- tramite fax al seguente numero: 0832/563110
- tramite pec al seguente indirizzo: fallimentare.tribunale.lecce@giustiziacert.it
Ulteriori informazioni c/o l’ausiliario della procedura.

 

D.M. 22/01/2008 n. 37

Agli effetti del D.M. 22/01/2008 n. 37 e del D. Lgs. 192/2005, l’aggiudicatario, dichiarandosi edotto sui contenuti dell’ordinanza di vendita e sulle descrizioni indicate nell’elaborato peritale in ordine agli impianti, dispenserà esplicitamente la procedura esecutiva dal produrre sia la certificazione relativa alla conformità degli stessi alle norme sulla sicurezza che la certificazione/attestato di qualificazione energetica, manifestando di voler assumere direttamente tali incombenze.

D.M. 15/10/2015 n. 227

Ai sensi dell’art. 2, comma 7, del D.M. 15/10/2015 n. 227, sono poste a carico dell’aggiudicatario o dell’assegnatario la metà del compenso del professionista delegato relativo alla fase di trasferimento della proprietà nonchè le relative spese generali (oltre agli oneri fiscali derivanti dalla vendita ed alle spese effettivamente sostenute per l’esecuzione delle formalità di trascrizione e voltura catastale).